Sezione: Recensioni di Aldo Viganò

Pagina 20 di 33« Prima...10...1819202122...30...Ultima »

Ruggine – Memoria ed emarginazione

ruggineQuarantacinque anni, negli ultimi dieci dei quali ha girato quattro lungometraggi a soggetto (prima di Ruggine, I nostri anni, Nemmeno il destino e Pietro) e un documentario (Rata neci biti), Daniele Gaglianone è un torinese d’adozione che insegna Ingegneria del cinema e dei mezzi di comunicazione al Politecnico e un regista che persegue testardamente un’idea di cinema essenzialmente figurativo, ma non calligrafico, sotteso da una forte tensione
(altro…)

Sezione: Numero 94, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Ruggine – Memoria ed emarginazione

Terraferma – L’isola e il mare

terrafermaFedele alla sua idea di un cinema realisticamente metaforico, Emanuele Crialese ha individuato nella dimensione insulare lo spazio ideale della sua ispirazione poetica. L’isola diventa così il luogo in cui le tradizioni si sedimentano e, insieme, la prigione dalla quale si vuole fuggire: sia per vincere la depressione (Respiro), sia per poter sognare il futuro (Mondo nuovo). Ma l’isola è anche la “terraferma” circondata dal mare
(altro…)

Sezione: Numero 94, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Terraferma – L’isola e il mare

C’era una volta il western – Il Grinta

Il grinta - Jeff BridgesPer il loro primo western a pieno titolo (Non è un paese per vecchi era, infatti, solo un omaggio alle sue modalità stilistiche), i Coen Brothers hanno scelto il remake di un film del 1969, in cui già l’anziano Henry Hathaway mescolava i “generi”, anche se poi finiva col mettersi al servizio di John Wayne, il cui personaggio di sceriffo burbero e monocolo è qui ripreso con competenza attoriale da Jeff Bridges.
(altro…)

Sezione: Numero 93, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su C’era una volta il western – Il Grinta

Una famiglia americana sul ring – The fighter

The FighterAncora un film che racconta il pugilato come metafora del riscatto sociale, ma non un film che ripete il già noto. Pensato per Darren Aranofsky, il quale poi ha preferito passarlo a David O. Russell (già regista di Amori e disastri e di Three Kings), The Fighter è prima di tutto un dramma famigliare: con due fratellastri alla ricerca di un riscatto personale in direzioni che ora divergono e ora tornano ad intrecciarsi…
(altro…)

Sezione: Numero 93, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Una famiglia americana sul ring – The fighter

Alla ricerca del cinema perduto – Sorelle mai

Sorelle MaiNon credo sia esagerato affermare che Sorelle Mai è il migliore film italiano visto nella stagione. Ma questa affermazione ha bisogno di essere motivata, affinché qualcuno non la ritenga provocatoria. Intanto, non penso sia necessario, per giustificarla, ricorrere all’alibi della genesi occasionale del film, fuori dai canonici sistemi produttivi, in un periodo di riprese “casalinghe” che va dal 1999 al 2008; perché Bellocchio, lungi dal prendere…
(altro…)

Sezione: Numero 93, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Alla ricerca del cinema perduto – Sorelle mai

Il discorso del re

Il discorso del ReDiceva Mario Monicelli che la realtà cinematografica rifugge dal primo piano, perché in questo c’è sempre qualcosa di esagerato che porta in un’altra dimensione e sconfina sovente nel trucco di chi non sa girare. Il discorso del re è un film fatto in prevalenza di primi piani. Quindi, se le premesse del sillogismo sono vere, ne consegue si tratti di un film che ha poco a che fare con la realtà, anche se non necessariamente un film falso.
(altro…)

Sezione: Numero 92, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Il discorso del re

Another Year

Another YearRaccontato nell’arco di un anno solare e cadenzato sullo scorrere delle stagioni (da “spring” a “winter”), Another Year è uno dei film più emblematici di Mike Leigh. Anche uno dei suoi migliori: per chiarezza narrativa, per precisione di sguardo sugli esseri umani, per piena consapevolezza estetica del linguaggio cinematografico.
Fedele a se stesso, Leigh parte ancora una volta dagli attori, dalla loro recitazione esibita…
(altro…)

Sezione: Numero 92, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Another Year

Hereafter

HereafterClint, il cinema senza aldilà
E’ noto che Peter Morgan – sceneggiatore inglese figlio di un ebreo tedesco e di una cattolica polacca (L’ultimo re di Scozia, The Queen, Frost/Nixon, ecc.) – ha scritto Hereafter per Steven Spielberg, che ha poi scelto di passarlo tramite la DreamWorks a Clint Eastwood, il quale ha accettato di dirigerlo a condizione che nel cast ci fosse Matt Demon.
(altro…)

Sezione: Numero 92, Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Hereafter


Pagina 20 di 33« Prima...10...1819202122...30...Ultima »