Sezione: Recensioni di Aldo Viganò

Pagina 30 di 32« Prima...1020...2829303132

La vita è un miracolo

Fedele alla sua vocazione gitana, Kusturica costruisce La vita è un miracolo su un ritmo travolgente e trascinante, sortendone un’opera molto personale pur nella consueta confusione visiva: un film caratterizzato da uno sguardo d’autore sulla guerra e sull’amore, ma anche sull’assurdità della natura umana.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su La vita è un miracolo

The Aviator

Per avere una prima idea di chi sia l’Howard Hughes di Martin Scorsese, il cinèphile può pensare a una sintesi tra il Charles Forster Kane di Quarto potere e il Preston Tucker del film di Francis Ford Coppola. Quindi, tra la fremente megalomania di un uomo che brucia nel fuoco delle proprie passioni un’eredità senza fondo e i fantasmi di un sognatore che guarda sempre troppo al di là del proprio tempo.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su The Aviator

Spartan

C’è qualcosa di continuamente sfuggente nell’attività artistica di David Mamet (classe 1947). Che rapporto c’è tra il commediografo funambolo dei dialoghi iperrelistici e il regista cinematografico che ama costruire apologhi morali con la tecnica del puzzle o del gioco enigmistico?
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Spartan

L’uomo senza sonno

Riecco la classe operaia! Se si deve credere a quello che accade sullo schermo, nell’ultimo secolo le condizioni di lavoro dei metalmeccanici sono rimaste in fin dei conti sempre le stesse: ore da trascorrere davanti a macchine sporche di grasso e mai completamente sicure, il potere aziendale che si esprime attraverso l’arroganza dei caporeparto, costante rischio di perdere una parte del proprio corpo alla minima distrazione, solidarietà di classe che tende, però, a emarginare ogni atteggiamento individualistico.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su L’uomo senza sonno

Donnie Darko

Donnie Darko giunge sui grandi schermi italiani circondato da un giovanilistico alone di miticità. Uscito negli Stati Uniti subito dopo l’11 settembre 2001, nessuno volle andare a vederlo: si dice a causa di quell’aereo (più precisamente il motore di un jet) che precipitando sulla casa del protagonista vi innesca l’assunto narrativo.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Donnie Darko

Le conseguenze dell’amore

Molto più ambizioso del film d’esordio (L’uomo in più) ambientato tra il mondo del calcio e quello delle discoteche, Le conseguenze dell’amore conferma pregi e limiti di un regista, Paolo Sorrentino, che è tra i pochissimi, del variegato panorama del cosiddetto nuovo cinema italiano, dai quali è legittimo attendersi un giorno la realizzazione di un’opera cinematografica esteticamente compiuta, capace di sintetizzare in uno stile personale tutte le sue componenti narrative, artistiche e attoriali.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Le conseguenze dell’amore

Mare dentro

Il quarto lungometraggio dello spagnolo Alejandro Amenabar sembrava avere tutto per risultare un film poco interessante agli occhi degli appassionati di cinema, frequentatori dei cineclub genovesi e italiani: una storia esibita come vera, che poteva tuttalpiù andare bene a coloro che preferiscono la superficialità della cronaca alla complessità dell’estetica; un protagonista immobilizzato sul letto e costretto ad esprimersi solo per movimenti facciali, irresistibile tentazione per virtuosismi d’attore e ideale palestra per narcisismi interpretativi per pretendenti all’Oscar; e, ancora, un grande tema etico-sociale (l’eutanasia) a fare da collante narrativo di un vicenda votata a far pensare e discutere.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Mare dentro

Pas sur la bouche

A ottant’anni, Alain Resnais (classe 1922) ha scoperto una nuova giovinezza, lontana dalla dimensione pensosa e non poco intellettualistica dei suoi trenta-quarant’anni, ma ugualmente sottesa dal piacere di fare del cinema. A ben vedere, anche il tema centrare dei suoi film è rimasto fondamentalmente lo stesso: la memoria.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Pas sur la bouche


Pagina 30 di 32« Prima...1020...2829303132