Sezione: Recensioni di Aldo Viganò

Pagina 26 di 29« Prima...1020...2425262728...Ultima »

Domino

La vera Domino era la figlia di Laurence Harvey, attore inglese noto agli appassionati di cinema per una intensa carriera iniziata negli anni Cinquanta (era il protagonista del Romeo e Giulietta di Castellani) e proseguita sino alla morte, avvenuta nel 1973, con buon successo internazionale. Quando il padre morì, Domino aveva solo quattro anni.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Domino

Le seduttrici – As You Like it

In attesa dei film della Mostra di Venezia, la stagione si è aperta con due pellicole – Le seduttrici e As You Like it – liberamente tratte dalle opere teatrali di due celebri autori anglosassoni – rispettivamente Il ventaglio di Lady Windermere di Oscar Wilde e Come vi piace di William Shakespeare – che pur molto diverse tra di loro consegnano al grande schermo una stessa idea del cinema.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Le seduttrici – As You Like it

Munich

Dopo il silenzio di Francis Ford Coppola e di Michael Cimino, è ora di ribadire ad alta voce che Steven Spielberg è oggi il più grande regista hollywoodiano. Non solo il cineasta più potente, ma proprio il regista-autore nel senso più compiuto e più nobile del termine, capace di costruire sul grande schermo un universo originale e coerente attraverso un impressionante susseguirsi di opere insieme personali e universali.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Munich

A History of Violence

Con questa “storia di violenza”, il trasgressivo e sovente sperimentale David Cronenberg si confronta con i temi e le modalità espressive della classicità. E ne esce vincente: consegnando al grande schermo un film forte, per molti versi sorprendente, sicuramente molto personale.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su A History of Violence

Romanzo criminale

La parabola di tre amici dalla periferia di una grande città ai vertici della criminalità organizzata (come in C’era una volta in America); la cronaca delle imprese della banda della Magliana nell’Italia degli anni Settanta e Ottanta (con il piglio pedagogico-spettacolare dei film di Carlo Lizzani); il melodrammatico intrecciarsi sullo sfondo della Storia di potere politico e malavita (come nel Padrino – parte III).
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Romanzo criminale

La seconda notte di nozze

Lasciato da parte l’alquanto stucchevole elogio della mediocrità che ha caratterizzato i suoi ultimi film (Un cuore altrove, Ma quando arrivano le ragazze?), Pupi Avati torna a frequentare con La seconda notte di nozze il clima di dolce e dimessa follia che da sempre alimenta i suoi film migliori, e trova in Antonio Albanese l’immagine di quello che sarebbe potuto diventare Nick Novecento se fosse sopravvissuto trent’anni alla sua morte.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su La seconda notte di nozze

Lord of War

La struttura narrativa ricalca quella di un documentario, con la voce fuori campo di Nicholas Cage che accompagna lo spettatore nel lucroso labirinto del commercio delle armi dopo la caduta del muro di Berlino; ma lo svolgimento stilistico spinge continuamente il film verso una curiosa dimensione fantastica, in cui realtà e apparenza, impegno civile e gioco autoriale continuamente si mescolano con esiti sovente sorprendenti.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su Lord of War

La fabbrica di cioccolato

Due sembrano essere i motivi di fondo che hanno spinto un regista-autore quale Tim Burton a portare sullo schermo la favola di Roald Dahl, già soggetto di un non memorabile “cult” di Mel Stuart. Da una parte, l’occasione di raccontare una storia in cui horror e cartoon (cioè, le sue due principali passioni) s’intrecciano in modo indissolubile sul ritmico sfondo del musical e, dall’altra, l’intuizione di fare di Willy Wonka, attraverso l’interpretazione dell’attore feticcio Johnny Depp, l’immagine dolente e tragica di un artista incapace di trovare quiete nel proprio corpo e nel proprio successo professionale.
(altro…)

Sezione: Recensioni, Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su La fabbrica di cioccolato


Pagina 26 di 29« Prima...1020...2425262728...Ultima »