Cannes 2019 – 7 : Corea: “Parasite” di Bong Joon Ho

di Renato Venturelli.

Arrivano i due film sudcoreani di Cannes 72, e come sempre ci sono molte speranze. Il titolo in concorso è Parasite di Bong Joon Ho, il regista di “Memories of Murder”, “Madre” e “Snowpiercer” che due anni fa era stato accolto molto freddamente a Cannes per “Okja”, prodotto da Netflix.

Stavolta realizza invece una vertigionosa commedia grottesca che trascina il pubblico con i suoi continui rivolgimenti, il montaggio rapidissimo, le perfidie dell’intreccio e della lotta di classe.

Si parte da una famiglia sottoproletaria che vive in uno scantinato sotto il livello della strada, costretta a subire le conseguenze di disinfestazioni e allagamenti, o a vedere sistematicamente ogni sera un ubriaco venire a urinare contro le loro finestre. Grazie alla loro astuzia riescono però a installarsi in una supervilla di ricconi, enorme, lussuosa, disponibile: un altro sguardo sul mondo, almeno finché si scopre che nei sotterranei segreti dell’edificio vivono altre persone, ancora più in basso, ancora più segregate dalla storia e dalla società.

Bong Joon Ho schizza da un genere all’altro a ritmi frenetici, racconta una storia urlata e parlatissima, passa dalla commedia sociale all’esplosione di violenza, con tanto di allagamento di acque nere che tracima dalle fogne per travolgere i suoi protagonisti: una gigantesca metafora della lotta di classe e del capitalismo coreano, capace di conquistare immediatamente il pubblico festivaliero.

Passa invece fuori concorso The Gangster, The Cop, the Devil diretto da Lee Won-tae alla sua seconda regia, e dominato dal Ma Dong-Seok, alias Don Lee, di “Train to Busan”. Qui interpreta un grosso e manesco boss della malavita, che scampa a un’aggressione e da quel momento è obbligato a cercare di vendicarsi per non rovinare la propria reputazione: e siccome un ispettore di polizia è convinto che l’aggressore sia un inafferrabile serial killer che sta seminando il panico in città, i due finiranno per unire le loro forze nel cercare di dargli la caccia.

Da buon prodotto di puro intrattenimento, è condotto a gran ritmo, in un crescendo incalzante, dominato dall’esuberanza di una star come Ma Dong-Seok, che punta sulla propria debordante presenza fisica. L’ennesima conferma di un cinema di genere sudcoreano travolgente ed efficace anche quando ha ambizioni limitate.

 

Postato in Festival di Cannes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *