Sezione: Recensioni di Aldo Viganò

Pagina 1 di 2212345...1020...Ultima »

“Nemesi” di Walter Hill

di Aldo Viganò.

“Nemesi” è un film tosto e inquietante, che si rivolge a un pubblico di “cinefili” duri e puri (ma esistono ancora?). “Nemesi” è con evidenza un film di “genere” che guarda ai nobili modelli dei “B-Movies” hollywoodiani; ma, in questo suo gusto esplicitamente “retrò”, è anche un’opera squisitamente d’autore

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Lascia un commento

“Dove non ho mai abitato” di Paolo Franchi

di Aldo Viganò.

Nel disordine produttivo, estetico, finanziario e programmatico del cinema italiano contemporaneo, trova spazio anche il tentativo di far rinascere una forma di melodramma sentimentale fatto di sguardi e di silenzi, di cose non dette, dietro le quali si celano profondi stati d’animo.

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Lascia un commento

“Blade Runner 2049” di Denis Villeneuve

di Aldo Viganò.

Nel 2019, raccontato 35 anni fa da Ridley Scott, “Blade Runner” si concludeva (in quasi tutte le sue sette versioni succedutesi nel tempo) con il sospetto che anche il cacciatore di taglie Rick Deckard (Harrison Ford) fosse un replicante; mentre nel 2049, nel remake filmato oggi da Denis Villeneuve con il beneplacito di Scott, tocca all’agente K (Ryan Gosling) scoprire infine (o credere di scoprire) che forse in lui, replicante dell’ultima generazione, c’è ancora qualcosa di umano.

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Lascia un commento

“Ammore e malavita” dei Manetti Bros.

di Aldo Viganò.

Fedeli da sempre all’intento di far rivivere il cinema italiano di “genere” (in questa direzione andavano già i cortometraggi realizzati per “Stracult”), i romani fratelli Manetti (Marco nato nel 1968 e Antonio nel 1970) hanno stentato a lungo prima di trovare il tono vincente, ma nel corso degli anni (essendo anche produttori di se stessi) hanno saputo costruire una loro squadra di lavoro

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Lascia un commento

“Madre!” di Darren Aronofsky

di Aldo Viganò.

Darren Aronofsky è con evidenza un regista di talento, ma tutti i suoi film, anche quelli di maggiore successo come “The Wrestler” o “Il cigno nero”, sono appesantiti da un’ambizione metaforica estrema che tende a soffocare il suo cinema nella presunzione di chissà quali significati universali.

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su “Madre!” di Darren Aronofsky

“L’intrusa” di Leonardo Di Costanzo

di Aldo Viganò.

Autore a quasi sessant’anni del suo secondo lungometraggio, Leonardo Di Costanzo, nato a Ischia e abitante tra Napoli e Parigi, conferma, cinque anni dopo “L’intervallo”, il suo talento per la costruzione dello spazio cinematografico entro il quale i personaggi vanno a definirsi attraverso le proprie azioni.

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su “L’intrusa” di Leonardo Di Costanzo

“L’inganno” di Sofia Coppola

di Aldo Viganò.

Film dopo film (e con “L’inganno” sono già 6 i lungometraggi da lei diretti), la quarantaseienne Sofia Coppola dimostra di essere una regista che predilige la decorazione all’azione, le atmosfere ai personaggi, la rappresentazione dello spazio che imprigiona i protagonisti all’analisi dei loro comportamenti.

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su “L’inganno” di Sofia Coppola

“Dunkirk” di Christopher Nolan

di Aldo Viganò.

L’eroismo di una fuga dopo la sconfitta. Con il suo solito stile sospeso tra il blockbuster e il cinema d’autore, l’inglese Christopher Nolan ha scritto e diretto un roboante film di guerra, ambientato tra terra e mare e cielo.

(altro…)

Sezione: Recensioni di Aldo Viganò | Commenti disabilitati su “Dunkirk” di Christopher Nolan


Pagina 1 di 2212345...1020...Ultima »